pesca allo storione in lago

Pesca allo storione

Pesca allo storione - come pescare questo splendido pesce.

Prima di parlare della pesca allo storione facciamo un piccola introduzione.

In Italia lo storione è una specie autoctona ed è sempre stato pescato per la prelibatezza delle sue carni e delle sue uova. Già ne XV secolo era molto conosciuto ed apprezzato e veniva pescato nel Tevere nei pressi di Roma.

Oggi la pesca allo storione viene praticata per il puro divertimento del pescatore nell’agganciarlo al suo amo e iniziare un combattimento con lui. Come premio finale una bella foto da mostrare agli amici, insaporendola con un racconto dal sapore epico.

Negli ultimi anni l’habitat dello storione è cambiato, infatti adesso lo possiamo trovare più facilmente nei laghetti di pesca sportiva che nei fiumi. 

Lo storione viene pescato quasi sempre con canne a fondo anche se alcuni pescatori lo pescano con il galleggiante ma con l’esca che tocca comunque il fondale, sotto descriveremo meglio come preparare le montature per la pesca allo storione.

Acipenser sturio Linnaeus

Tecniche e montature

Le tecniche più usate per la pesca allo storione sono quella a fondo e quella al colpo, preparare la montatura a fondo per la prima tecnica, è molto facile. Basta infatti un piombo di circa 20-25 grammi ( di solito si usano le olivette) un tubetto in silicone come paracolpi, una girella dove verrà attaccato un terminale lungo 25-30 cm con amo del n. 4

La montatura per la pesca al colpo invece è fatta da un galleggiante di circa 3 grammi, di solito sferico, una girella e un terminale di 25 cm che verrà piombato e il solito amo del n. 4.

Entrambe le montature per la pesca allo storione vanno montate in canne molto robuste con una lunghezza di circa 3,5 metri  correlate da un buon mulinello, dato che il pesce può arrivare a notevoli dimensioni.

montature

Esche per pescare lo storione 

Sapere di che cosa si nutre il pesce che intendiamo pescare è fondamentale per avere una buona riuscita nella cattura dello stesso. In natura lo storione si nutre principalmente di tranci di altri pesci tipo trota e gamberetti, quindi queste esche danno sempre un’ottimo risultato.

Nei laghetti a pagamento però questo tipo di esche sono quasi sempre vietate, quindi dovremo trovare un’altro modo per insidiarli. Un’esca che ingolosisce molto gli storioni è il formaggino a spicchi o anche il formaggio morbido questa infatti è la più usata dai pescatori esperti per la pesca allo storione.

Altri tipi di esche sono le boilies, simili a quelle per le carpe e le apposite pastelle per storioni, che però hanno una controindicazione. Secondo i pescatori più esperti, le pastelle sono molto valide ma spesso attirano all’amo i pesci gatto e se presenti anche i siluri.

Per ultimo, ma non per importanza, il lombrico rimane sempre l’esca più sicura. 

pesca allo storione bianco

Le specie di storione 

Le famiglia di cui fa parte lo storione si chiama Acipenseridae e le specie contenute in essa sono 26. Le specie che troviamo nei  laghetti di pesca sportiva dove si può praticare la pesca allo storione sono prevalentemente 2.

Lo storione bianco ( vedi le foto sopra ) è il più grande degli storioni e si differenzia dagli altri per gli scudi ossei cutanei situati nel corpo.

Il muso è breve con la punta arrotondata, ha una bocca ampia dove ai suoi lati troveremo i quattro barbigli. Il colore del dorso è di solito grigio/verdastro ma può essere anche grigio/brunastro con il ventre bianco.

Lo storione comune, chiamato anche pinocchio, è di stazza minore di quello bianco. La sua caratteristica principale è il muso molto allungato, ( da qui il soprannome pinocchio ), con i soliti quattro barbigli laterali. Il colore del suo dorso è grigio o bruno/verdastro e il ventre giallo/biancastro. ( vedi foto sotto ).

pesca allo storione pinocchio